HOME Chi siamo Dove siamo Iscritti Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

2016 - 01       

 

(Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA)

 

Una pagina con articoli semplici

per aiutare gli sposi cristiani a compiere dei piccoli passi:

 passi verso una crescita come coppia, passi per ricostruire un'armonia spezzata

passi per camminare come genitori, passi per crescere nella fede.

 

Piccoli passi: consigli e parole semplici per camminare insieme.

 

 

Ascoltiamo Don Bosco:

.....    

 

  "Come potremo essere discepoli di Gesù Cristo

              se ci mostriamo così differenti dal Maestro?"

        

 

 

 

PICCOLI PASSI: 

   

 

    Il matrimonio e il Cristo

 

Nostro Signore non è venuto a sopprimere, ma a perfezionare. Il matrimonio resterà quello che è nel diritto naturale: lo scambio e l'unione di due volontà per la procreazione. Ma nostro Signore, non ignorando punto la difficoltà dello stato coniugale, farà dello scambio delle due volontà unite un sacramento, cioè un rito apportatore di grazia divina. Ciascuno dei due coniugi, unendosi all'altro, lo arricchirà di un supplemento di grazia santificante. Già tutti e due per unirsi dovranno essere in stato di grazia, perchè il matrimonio è un sacramento dei vivi; ha, cioè, per scopo di intensificare la vita divina già esistente in fondo all'anima. Quindi, sposandosi, i due coniugi si regaleranno a vicenda, invisibilmente, un poco più di divino. 

 

E poichè il matrimonio è un contratto — uno scambio di due « sì », che dà a ciascuno il pieno diritto sull'altro — c'è in esso questo di speciale, che non c'è bisogno di nessun ministro particolare diverso dai due interessati. Qualche volta si dice: « Mi ha sposato il Reverendo tale ». L'espressione non è esatta; non è il sacerdote a sposare i due fidanzati; ma sono i fidanzati stessi che si sposano. Essi sono i ministri del sacramento che ricevono, del quale sono nel medesimo tempo il soggetto. Il sacerdote è presente come testimonio in nome della Chiesa; testimonio necessario perchè il matrimonio sia valido; ma sempre semplice testimonio. 

 

C'è quindi nel matrimonio sacramento, come pure nei due sposi una dignità eminente, ed essi sono l'uno per l'altro veicolo di grazia e di divino. 

 

L'unione che è importata dal contratto verte su due punti: unicità della coppia e indissolubilità. La quale duplice esigenza della unità e dell'indissolubilità nostro Signore ha richiamato mentre faceva del matrimonio un rito apportatore di grazia divina. 

 

Unità: uno, una. « Saranno due in uno », diceva già la Genesi; ma, attesa la grossolanità e la cocciutaggine umana, s'erano introdotte le forme della poligamia. Orbene, nostro Signore le proscrive e la Chiesa ha sempre avuto cura di esigere l'osservanza della legge. Del resto la esige lo stesso amore, che consiste in una realtà così intima e profonda. Viverla in molti o in parecchi esemplari ad una volta è contrario allo stesso buon senso naturale. La legge divina non, fa che confermare l'esigenza fondamentale, in favore della quale militano anche la coesione della famiglia e la felicità dei figli. 

 

Indissolubilità: unione permanente, che non può essere sciolta che dalla morte di uno dei coniugi. L'Enciclica di Pio XI, Casti Connubii, così ne parla a quanti fossero tentati di dimenticare: « ... L'unione coniugale fra un uomo e una donna determinati non ha altra origine che il libero consenso di ciascuno dei due sposi. Questo atto libero di volontà, per il quale ciascuna delle due parti dà e riceve il suo proprio diritto coniugale, è così necessaria per avere un vero matrimonio che nessuna potenza umana potrebbe supplirlo. Tale libertà, tuttavia, riguarda soltanto un punto: se i contraenti, cioè, vogliono effettivamente entrare nello stato matrimoniale e con quella determinata persona. Ma l'essenza del matrimonio è assolutamente sottratta alla libertà dell'uomo; di modo che chiunque l'abbia una volta contratto si trova immediatamente soggetto alle sue leggi divine e alle sue proprietà « essenziali ».

 

estratto da "Cristo al focolare" - R.Rodolfo Plus S.J.

 

 

 

 

             

                              POSUERUNT ME CUSTODEM

                                         MARIA, AIUTO DEI CRISTIANI, INTERCEDI PER NOI 

...

 

 

Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA

 

 

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno