HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

2011 - 06       

 

(Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA)

 

Ogni mese una nuova pagina con articoli semplici

per aiutare gli sposi cristiani a compiere dei piccoli passi:

 passi verso una crescita come coppia, passi per ricostruire un'armonia spezzata

passi per camminare come genitori, passi per crescere nella fede.

 

Piccoli passi: consigli e parole semplici per camminare insieme.

 

 

Ascoltiamo Don Bosco:

.

..                       "Mettiamoci nelle mani di Dio

            con piena fiducia,

            preghiamo e tutto andrà bene"

 

 

 

 

VIVERE INSIEME:

   

I litigi nella coppia (prima parte)

 

Una delle maggiori difficoltà nei rapporti affettivi sta nel gestire le differenze e i dissidi. Spesso quando le coppie sono in disaccordo la discussione si trasforma in litigio e quindi in vere e proprie battaglie. Uomo e donna smettono di parlarsi con affetto e cominciano a ferirsi vicendevolmente: rimproverano, si lamentano, accusano, esigono, provano dubbi e risentimenti. Quando questo accade, non sono solo i sentimenti reciproci a soffrirne, ma anche la qualità del rapporto. Proprio come la comunicazione è l'elemento più importante di una relazione, i litigi possono costituirne l'elemento più distruttivo, perché maggiore è la nostra intimità con un altro essere umano, più ci sarà facile causargli o riceverne dolore. Per questo motivo si consiglia vivamente alle coppie di non litigare. Ecco quindi la regola numero 1: Non litigare mai. Discutere invece i pro e i contro della questione controversa. Negoziare, ma non litigare. È possibile essere aperti, onesti e perfino esprimere sentimenti negativi senza arrivare a tanto. Ci sono coppie che litigano tutto il tempo uccidendo pian piano l'amore che le unisce. All'altro estremo, ci sono coppie che reprimono i loro stati d'animo allo scopo di evitare i conflitti. Come conseguenza, finiscono con il perdere di vista anche i loro sentimenti d'amore. Una coppia è in guerra, l'altra vive una situazione di guerra fredda. importante trovare un equilibrio tra questi due estremi. Imparando a sviluppare le capacità di comunicazione, è possibile evitare i litigi senza soffocare i propri sentimenti e negare le normali divergenze di idee e desideri. 

 

CHE COSA SUCCEDE QUANDO LITIGHIAMO 
Quando non si capiscono le grandi differenze esistenti tra uomini e donne è molto facile lasciarsi trascinare in litigi che feriscono non solo il partner ma anche noi stessi. Il segreto per evitarli sta nella comunicazione fondata sul rispetto. Non sono le differenze e í disaccordi a far male, quanto i modi che adottiamo per trasmetterli. Non c'è alcuna necessità che una discussione diventi fonte di sofferenze, quando può restare nei limiti di una conversazione appassionata in cui esprimiamo divergenze e contrasti. (È inevitabile che a volte in una coppia se ne verifichino.) Ma troppo spesso quella che avrebbe potuto essere una tranquilla discussione facilmente appianabile grazie alla reciproca comprensione e all'accettazione delle differenze si trasforma in una lotta. Si rifiuta di accettare e di capire il punto di vista del compagno a causa del modo con cui questo viene espresso. Per risolvere una controversia è necessario ampliare il proprio punto di vista in modo da includervi e integrarvene un altro. Per riuscirci, abbiamo bisogno di sentirci apprezzati e rispettati. Se l'atteggiamento del partner è ostile, è probabile che accettando il suo punto di vista finiremo col sentirci sminuiti. Maggiore è l'intimità che ci lega a una persona, più diventa difficile ascoltarne le opinioni con obiettività senza reagire ai suoi sentimenti negativi. Per evitare di affrontare la sua disapprovazione mettiamo in funzione le difese automatiche che ci inducono a opporci al suo punto di vista. Se anche ci scopriamo d'accordo con il partner, non è escluso che continuiamo a opporgli una ostinata resistenza. 

 

PERCHÉ I LITIGI FERISCONO 
Non è tanto ciò che diciamo a ferire, ma come lo diciamo. Quando un uomo si sente sfidato, molto spesso tutto ciò che gli interessa è dimostrare di avere ragione, ed è talmente concentrato su questo obiettivo che finisce col dimenticare di mostrarsi affettuoso. La sua capacità di comunicare in modo sollecito, rispettoso e rassicurante diminuisce. Non si rende conto di apparire ostile, né di quanto il suo atteggiamento ferisca la compagna. In certi momenti, un semplice disaccordo può apparire alla donna come un vero e proprio attacco; una richiesta si trasforma in un ordine. È normale che una donna si opponga a questo approccio ostile, anche quando sarebbe pronta a recepire positivamente ciò che lui sta effettivamente dicendo. Un uomo ferisce inconsapevolmente la sua compagna parlando in modo brusco e passando quindi a spiegarle perché non ha alcun motivo di essere turbata. Erroneamente pensa che lei si opponga al suo punto di vista, mentre in realtà è il suo approccio a dispiacerle. Incapace di capire la sua reazione, si sforza sempre di più di illustrarle il merito di quanto sta dicendo invece di correggere il proprio modo di esprimersi. 
Non si rende conto che è lui a iniziare la lite; crede che sia l'esatto contrario. Lui difende il suo punto di vista, mentre lei difende se stessa dalle sue espressioni pungenti, che la feriscono. Quando un uomo trascura di rispettare i sentimenti feriti di una donna finisce con l'accrescere la sofferenza di lei. Gli riesce difficile capire questa sofferenza perché lui non è altrettanto vulnerabile ai commenti e ai toni ostili. Di conseguenza può succedere che un uomo non si renda neppure conto delle ferite che sta infliggendo alla compagna, scatenandone l'ostilità. Analogamente, le donne sono ignare della loro capacità di fare del male. A differenza dell'uomo, in una donna sfidata l'atteggiamento verbale diventa automaticamente sempre diffidente e improntato al rifiuto. Un rifiuto che risulta estremamente doloroso per un uomo, soprattutto quando tra i due c'è un coinvolgimento emotivo. La donna avvia e intensifica i litigi prima esternando i suoi sentimenti negativi relativi al comportamento del compagno, quindi fornendo consigli non richiesti. Quando trascura di attenuare tali sentimenti negativi con messaggi di fiducia e accettazione, un uomo reagisce a sua volta negativamente, facendola precipitare nella confusione. Ancora una volta non capisce quanto sia dolorosa per lui la sua diffidenza. Per evitare i litigi, è necessario ricordare che il nostro compagno muove obiezioni non a ciò che diciamo, ma a come lo diciamo. Per litigare bisogna essere in due, per troncare una lite è sufficiente l'intervento di uno solo. Il modo migliore per riuscirci è stroncare la lite sul nascere. Prendere atto del momento in cui un disaccordo sta per trasformarsi in un litigio. Smettere di parlare e concedersi un po' di tempo per riflettere. Esaminare l'approccio che abbiamo adottato con il partner, cercando di capire sotto quale aspetto non gli stiamo dando ciò di cui ha bisogno. Poi, trascorso un po' di tempo, riprendere l'argomento, ma con toni affettuosi e rispettosi. Le pause di riflessione ci consentono di calmarci, di sanare le ferite e di rifare il punto su noi stessi prima di tentare di avviare nuovamente la comunicazione. 

 

QUATTRO ATTEGGIAMENTI SOLITAMENTE ADOTTATI PER EVITARE DI ESSERE FERITI 
Sono fondamentalmente quattro gli atteggiamenti che gli individui assumono per evitare di venire feriti durante un litigio, e sono: la Lotta, la Fuga, la Simulazione e la Ritirata. Ciascuno di questi atteggiamenti garantisce un risultato a breve termine, ma alla lunga tutti si rivelano ugualmente controproducenti. Esaminiamoli uno per uno: 

 

1. La lotta. È un atteggiamento più tipico degli uomini. Quando la conversazione assume connotati di ostilità e non di collaborazione, alcuni individui scatenano immediatamente l'offensiva. Il loro motto è: "La miglior difesa è l'attacco." Colpiscono con le armi del rimprovero, del giudizio e della critica; hanno la tendenza a urlare e a dare libero sfogo alla rabbia. Così facendo, tentano di intimidire il partner inducendolo ad amarli e a sostenerli di nuovo. Quando il compagno batte in ritirata, si convincono di avere vinto, mentre in realtà hanno perduto. L'intimidazione indebolisce inevitabilmente la fiducia nell'ambito della coppia. Usare la violenza verbale per ottenere ciò che si vuole mettendo gli altri dalla parte del torto è un modo sicuro per mandare a rotoli un rapporto. Le coppie che lottano perdono gradualmente la capacità di mostrarsi aperte e vulnerabili. Le donne si chiudono in se stesse per proteggersi; gli uomini ammutoliscono e le loro capacità di provare amore e interesse diminuiscono sempre di più. Un po' alla volta perdono tutta l'intimità di cui godevano. 

 

2. La fuga. Anche questo atteggiamento è tipico degli uomini. Per evitare il confronto, capita che gli uomini si ritirino nelle loro caverne per non uscirne più. È la cosiddetta guerra fredda. Si rifiutano di parlare e così facendo impediscono la soluzione dei problemi. Questo atteggiamento passivo-aggressivo non deve essere confuso con quello del saggio che si concede una pausa per poi riprendere a comunicare in modo più affettivo. Gli uomini dediti alla fuga, temono il confronto e preferiscono fuggire ed evitare di parlare degli argomenti che potrebbero portare a un litigio. Di solito sono le donne a lamentarsi di doverlo fare, ma è un atteggiamento altrettanto diffuso tra i rappresentanti del sesso maschile, e in loro è talmente radicato che spesso ne sono quasi inconsapevoli. Ci sono coppie dove entrambi i partner adottano questa linea. Questa tattica garantisce armonia e pace a breve termine, ma con il tempo questioni non risolte e sentimenti non ascoltati danno inevitabilmente vita al risentimento. Gradualmente, la coppia dimentica la passione e l'amore che li avevano attirati l'uno verso l'altra. Di solito, per dimenticare i sentimenti dolorosi irrisolti si gettano sul lavoro, sul cibo o cadono in altre forme di dipendenza. 

 

3. La simulazione. È questo l'atteggiamento tipico delle donne. Per evitare di soffrire durante un confronto, la persona finge che non ci sia alcun problema. Si stampa un sorriso sul viso e si mostra conciliante e soddisfatta di tutto. Con il tempo, nondimeno, il suo risentimento cresce; continua infatti a dare al compagno, ma in cambio non ottiene ciò di cui ha bisogno. TI risentimento finisce con il bloccare il naturale corso dell'amore. 

 

4. La ritirata. Anche questo atteggiamento è più delle donne. Piuttosto che litigare, la persona cede. Prenderà su di sé la colpa e si assumerà la responsabilità di qualunque cosa stia turbando il partner. Così facendo, per qualche tempo è in grado di creare ciò che sembra una relazione basata sull'amore e sul sostegno, ma alla lunga finisce con lo smarrire se stessa. 
Un uomo si lamentava della moglie. "La amo moltissimo," diceva. "Lei mi dà tutto quello che voglio. L'unico problema è che non è felice.- Per vent'anni sua moglie aveva negato se stessa nell'intento di compiacere il marito. Non litigavano mai e se le veniva chiesto di descrivere il loro rapporto diceva: "Il nostro è un matrimonio fantastico. Mio marito è così affettuoso. Il solo problema sono io. Mi sento depressa e non so perché." Era depressa perché aveva negato se stessa mostrandosi compiacente per venti lunghi anni. Per assecondare il partner queste persone imparano ad avvertirne istintivamente i desideri e a essi si adeguano. È inevitabile, tuttavia, che alla fine provino risentimento per avere rinunciato a se stessi in nome dell' amore. Vivono con dolore qualunque forma di rifiuto, perché già rifiutano se stesse. Il loro principale obiettivo sta nell'evitare a tutti i costi il rifiuto: aspirano a essere amate da tutti. Per riuscirci, rinunciano completamente alla loro identità. È probabile che vi siate riconosciuti in uno o più di questi atteggiamenti. È normale che se ne assumano di diversi a seconda della situazione. L'intento delle quattro strategie che abbiamo elencato è di proteggerci dalla sofferenza, ma sfortunatamente non funzionano. Ciò che invece funziona è identificare i litigi e farli cessare. Concedersi un intervallo per calmarsi e quindi ricominciare a parlare. 
Esercitarsi a comunicare con sempre maggiore attenzione e rispetto per l'altro sesso; solo così si imparerà gradualmente a evitare discussioni e lotte. 

 

PERCHÉ LITIGHIAMO 
Di solito gli uomini e le donne litigano per denaro, sesso, decisioni da prendere, educazione dei figli e responsabilità familiari. Tuttavia, le discussioni si trasformano in litigi dolorosi per un solo motivo.., non ci sentiamo amati. Il dolore nasce dal non sentirsi amati, e quando una persona prova dolore ha molte difficoltà a trasmettere messaggi affettuosi. Poiché le donne sono diverse dagli uomini, non capiscono d'istinto ciò di cui un uomo ha bisogno per affrontare con successo le divergenze. Idee, sentimenti e desideri divergenti sono ostacoli ardui per un uomo. Più si sente vicino a una donna, più gli risulta difficile affrontarli con successo. Quando si accorge che a lei non piace qualcosa che ha fatto, tende a sentirsi offeso e a pensare che in realtà ciò che a lei non piace è lui stesso. Un uomo affronta meglio le divergenze e i disaccordi quando i suoi bisogni emotivi sono soddisfatti. Se privato dell'amore di cui ha bisogno, invece, si mette sulla difensiva e il suo lato oscuro comincia a emergere; d'istinto estrae la spada. È probabile che in apparenza lui sembri litigare per la questione messa sul tappeto (denaro, responsabilità e così via), ma il vero motivo per cui ha sguainato la spada è che non si sente amato. Quando un uomo litiga per i soldi, i figli o per qualunque altra cosa, è probabile che nel suo intimo le autentiche ragioni di litigio siano invece le seguenti: 

 

 

LE RAGIONI SEGRETE PER CUI GLI UOMINI LITIGANO 

 

La ragione nascosta del suo scontento Ciò di cui ha bisogno per non litigare
1. "Non mi piace quando lei se la prende per la più piccola sciocchezza che faccio o che non faccio. Mi sento criticato, respinto e non accettato." 

 

1. Ha bisogno di sentirsi accettato per quello che è. Invece, ha l'impressione che lei stia cercando di migliorarlo. 
2. "Non mi piace quando comincia a dirmi come fare le cose. Non mi sento ammirato. Mi sento invece trattato come se fossí un bambino." 

 

2. Ha bisogno di sentirsi ammirato mentre viene sminuito.
3. "Non mi piace quando dà a me la colpa della sua infelicità. Non mi sento incoraggiato a essere il suo cavaliere dalla lucente armatura."

 

3. Ha bisogno di sentirsi incoraggiato, invece ha voglia di rinunciare. 
4. "Non mi piace quando si lamenta per tutto quello che deve fare o perché si sente poco apprezzata. In questo modo fa sentire me non apprezzato per le cose che faccio per lei." 

 

4. Ha bisogno di sentirsi apprezzato. Ma si sente biasimato, misconosciuto e impotente. 
5. "Non mi piace quando manifesta il timore che tutto vada storto. 

Sento che non ha fiducia in me.

 

5. Ha bisogno che lei gli dia fiducia e lo apprezzi per il contributo che dà alla sua sicurezza. Invece si sente responsabile per le sue ansie.
6. "Non mi piace quando si aspetta che faccia le cose o parli quando è lei a volerlo. Non mi sento accettato né rispettato." 6. Ha bisogno di essere accettato per quello che è. Al contrario, si sente controllato o costretto a parlare e di conseguenza non trova niente da dire. Prova la sensazione che non riuscirà mai a soddisfarla. 

 

7. "Non mi piace quando si se te ferita da ciò che dico. Mi sento frainteso, incompreso e allontanato."

 

7. Ha bisogno di sentirsi accettato e considerato degno di fiducia, mentre si sente respinto e immeritevole di perdono. 

8. "Non mi piace quando aspetta che le legga nel pensiero. Non posso farlo.

Mi fa sentire cattivo o inadeguato."

 

8. Ha bisogno di sentirsi approvato e accettato. Invece si sente un fallito.

 

Anche le donne contribuiscono a scatenare litigi dolorosi, ma per ragioni diverse. Esteriormente può sembrare che litighino per i soldi, per le responsabilità o per qualunque altra cosa, ma nel loro intimo se oppongono resistenza al partner è per una o più di queste ragioni: 

 

 

LE RAGIONI SEGRETE PER CUI LE DONNE LITIGANO 

 

La ragione nascosta del suo scontento Ciò di cui ha bisogno per non litigare
1. "Non mi piace quando lui minimizza l'importanza dei miei sentimenti o delle mie richieste, Mi sento trascurata e poco importante." 

 

1. Ha bisogno di sentirsi considerata e importante. Invece si sente giudicata e ignorata.
2. "Non mi piace quando dimentica di fare le cose che gli chiedo, e allora reagisco con astio. Mi sembra dì supplicare il suo aiuto." 

 

2. Ha bisogno di sentirsi rispettata e assistita, mentre si sente trascurata e all'ultimo posto della lista di priorità di lui. 
3. "Non mi piace quando mi rimprovera perché sono turbata. Fa nascere in me la sensazione che, per essere amata, dovrei essere perfetta Ma io non sono perfetta." 

 

3. Ha bisogno che lui capisca perché è turbata e la rassicuri del suo amore e del fatto che non ha alcuna necessità di essere perfetta. Invece ha paura di essere se stessa. 
4. "Non mi piace quando alza la voce o comincia a enumerare i motivi per cui ha ragione. Mi fa sentire dalla parte del torto e ho l'impressione che a lui non importi nulla del mio punto di vista." 

 

4. Ha bisogno di sentirsi compresa e rispettata. Al contrario, si sente inascoltata, tiranneggiata e svilita. 

5. "Non mi piace che si mostri condiscendente quando lo interrogo su decisioni che dobbiamo prendere. Mi dà la sensazione di essere un peso 

o di stare sprecando il suo tempo." 

 

5 Ha bisogno di sentire che a lui stanno a cuore i suoi sentimenti e che rispetta il suo bisogno di essere informata. Invece si sente non rispettata e non apprezzata 

6. "Non mi piace quando non risponde 

alle mie domande o alle mie osservazioni. è come se non esistessi." 

 

6. Ha bisogno di essere rassicurata sul fatto che lui la ascolta e le presta attenzione mentre si sente ignorata o criticata. 
7. "Non mi piace quando mi spiega perché non dovrei sentirmi ferita, preoccupata, arrabbiata e così via. Mi sento sminuita nei miei stati d'animo." 

 

7. Ha bisogno di sentirsi compresa e valutata. Invece si sente abbandonata, non amata e offesa. 
8. "Non mi piace quando pretende da me un maggiore distacco. Mi fa pensare che avere sentimenti sia sbagliato o segno di debolezza." 

 

8. Ha bisogno di sentirsi rispettata e trattata con tenerezza, soprattutto quando illustra i propri stati d'animo. Invece si sente indifesa e insicura. 

Sebbene questi sentimenti e bisogni dolorosi siano perfettamente validi, di solito non vengono affrontati né comunicati in modo diretto. Si alimentano invece nell'intimo e finiscono per esplodere nel corso di una lite. A volte vengono esposti verbalmente in modo esplicito, ma è più facile che siano mostrati attraverso l'espressione del viso, l'atteggiamento del corpo e il tono della voce. 

 

(continua con la seconda parte)

 

 

 

 

             

                                POSUERUNT ME CUSTODEM

                                             MARIA, AIUTO DEI CRISTIANI, INTERCEDI PER NOI 

...

 

 

Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA

 

 

 

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno