HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

2012 - 11       

 

(Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA)

 

Ogni mese una nuova pagina con articoli semplici

per aiutare gli sposi cristiani a compiere dei piccoli passi:

 passi verso una crescita come coppia, passi per ricostruire un'armonia spezzata

passi per camminare come genitori, passi per crescere nella fede.

 

Piccoli passi: consigli e parole semplici per camminare insieme.

 

 

Ascoltiamo Don Bosco:

..

.                       

               "La dolcezza nel parlare, nell'operare

        nell'avvisare guadagna tutto e tutti."

        

 

 

PICCOLI PASSI:

   

Quale amore?

 

Benedetta era una splendida ragazza,che un male terribile rese semiparalizzata, sorda, senza olfatto e infine cieca.

Benedetta seguendo la logica di amore dell'Eucaristia arrivò a dimenticare se stessa per abitare negli altri (così, spesso diceva: Ho deciso di abitare negli altri!). 

Ecco un racconto della mamma: 

Mio marito non capiva come mai tanta gente venisse a trovare Benedetta. Diceva: "Il Signore le ha tolto tutto. Cosa vengono a fare?".

E io rispondevo: "Non ti domandi perché?".

E lui: "Sì, e non ho risposta. L'artista che recita, che scrive, che balla... raduna attorno a sé tanta gente. Ma lei ora non è neppure più bella! Perché viene tanta gente da lei?"

lo gli risposi: "Perché è piena di Dio! Perché lo Spirito Santo parla in lei": Mio marito abbassò gli occhi e sussurrò: "Forse hai ragione, ma io non capisco!." 

Un giorno però anche mio marito si accorse che in Benedetta c'era una bontà, che non era 
umanamente spiegabile. Ecco come andarono le cose: ebbi un bisticcio con mio marito e mi arrabbiai molto. 
Quella mattina, quando andai a portare la colazione a Benedetta, lei mi prese la mano e l'accarezzò. 
Faceva quel gesto affettuoso tutte le mattine. E nell'accarezzarmi la mano disse: "Mamma, sento che non sei tranquilla. Cosa è successo?": 

Risposi: "Ho bisticciato con il babbo". Il mattino dopo, mi chiese: "Sei ancora arrabbiata?". Risposi di sì. Il nostro dialogo avveniva per mezzo dell'alfabeto muto. 
Passarono circa otto o dieci giorni. Lei non mi faceva più domande per timore di essere indiscreta. Ma una mattina mi disse: "Mamma, deve essere molto grave ciò che ti è successo, perché ancora non sei tranquilla". 

Dapprima io dissi:"Ma no, Benedetta!" Poi, però, non seppi resistere e aggiunsi: "Mi voglio dividere dal babbo". 

Mi domandò: "Di quanti metri ti vuoi dividere?". "No, non scherzare! Parlo sul serio".  "Mamma, ricordati che l'uomo non può dividere ciò che Dio ha unito". "Però io sono stanca di questa situazione". Allora lei mi disse: "Mandami qui il babbo".

Mio marito, ogni mattina, appena alzato, passava sempre dalla camera di Benedetta. Stava sulla porta, accendeva una sigaretta e rimaneva là fermo a guardarla. Non aveva voluto imparare il linguaggio tattile. Si ribellava all'idea di sua figlia immobilizzata e ridotta a quel modo. Lei però sapeva che il babbo la guardava ed era contenta della sua presenza.

Quella mattina, quando dissi a Guido che Benedetta voleva parlargli, lui rispose: "No, no! Tu sai che non ho imparato l'alfabeto muto perché non posso pensare a mia figlia così... Noi speravamo che avesse tutto, invece le è stato tolto tutto. Mi dà fastidio, non ho il coraggio, non entro... E poi, perché sei andata a raccontarle i nostri litigi? Vuoi farla soffrire di più?". Lo lasciai parlare, poi gli dissi con calma: "Non le ho raccontato niente. Le ho detto soltanto che sono arrabbiata". Ripetè: "lo non vado. Dille che mi hanno chiamato mentre stavo per entrare. Andrò domani". La mattina dopo trovò un'altra 
scusa: "Dille che sono andato a Brescia". E il giorno seguente: "Dille che allo stabilimento occorreva la mia presenza". Andammo avanti così per circa un mese. Allora non ne potei più:"Se non vuoi andare da Benedetta, le dico la verità"."No, non dirle che non voglio andare. Dille che mi hanno cercato". "Però se Benedetta morisse, tu rimarresti con il rimorso di non essere andato ad ascoltarla. Non sapresti mai cosa ti voleva dire". Guido riflettè. Vedevo che era tormentato. Alla fine si decise: "Va bene, vado questa mattina. Vieni anche tu con me". Entrammo. lo presi la mano destra di Benedetta e le comunicai: "Il babbo è qui. Da tanti giorni lo aspettavi. Lui non poteva. Ma adesso è venuto".

Lei gli disse: "Babbo, dammi le mani". Quando il babbo le diede le mani, lei le baciò e disse: 

"Queste mani, queste manone grosse, quanto hanno lavorato per i tuoi figli! Come ti sono grata! Scusami babbo, se qualche volta ti ho dato dei dispiaceri. Adesso vai al tuo lavoro. Non voglio rubarti del tempo. Volevo dirti solo che da tanto non sentivo le tue mani!".

Mio marito, che si aspettava un rimprovero, a sentirsi dire quelle parole, a vedersi baciare le mani, si mise a piangere e uscì dalla camera. lo rimasi. 

Benedetta si immerse in preghiera. Dopo un poco, stese la mano e sentì che io ero là, vicino a lei. Disse: "Mamma, sei ancora qui? Perché non mi parli?".

Le risposi: "Perché sono molto arrabbiata con te".

Benedetta mi disse: "Davvero, mamma? Perché?"

Ero proprio in collera e dissi tutto d'un fiato: "Perché è quasi un mese che volevi parlare con il babbo. lo mi aspettavo che tu gli dicessi chissà cosa!... Invece l'hai ringraziato per il suo lavoro, gli hai baciato le mani... 

Benedetta esclamò: "Allora, mamma, sono anch'io arrabbiata con te". 
"Ah, va bene, invertiamo le cose!". 
Benedetta concluse: "Non invertiamo niente. Soltanto, ricordati: se qualcuno sbaglia nei tuoi confronti o verso altre persone, fagli sentire che lo ami di più. Solo così proverà l'umiliazione di avere sbagliato. L'amore corregge. I rimproveri suscitano ribellione. Amalo come prima e più di prima. Lui comprenderà il proprio errore".

È la lezione che Gesù ogni giorno ci consegna nella Santa Eucaristia. 

E così, con gesto di bontà, Benedetta trasformò e conquistò suo padre. 

 

 

Nelle difficoltà quotidiane con le persone a cui vogliamo bene, cerchiamo di rispondere sempre con amore a quelli che sono i torti o le ingiustizie subite. 

Cerchiamo di non incominciare, o di non far proseguire, delle battaglie che non potranno che finire col tempo in una guerra più grande. 

La nostra risposta sia sempre l'amore.

La nostra forza sia sempre nostro Signore Gesù Cristo e impariamo da Lui a essere pienamente "miti e umili di cuore". 

Quando l'amore viene a mancare nelle nostre case, facciamoci noi per primi portatori di un amore più grande: Amiamo "il doppio", ancora di più. Mettendo noi quell'amore che ora manca. 

Prendiamo esempio e forza dalla testimonianza luminosa di Benedetta Bianchi Porro.

 

 

 

 

             

                              POSUERUNT ME CUSTODEM

                                         MARIA, AIUTO DEI CRISTIANI, INTERCEDI PER NOI 

...

 

 

Vai all'ARCHIVIO di OBIETTIVO FAMIGLIA

 

 

 

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno