HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

FESTE MOBILI:

 

MERCOLEDI' DELLA TERZA SETTIMANA

DI QUARESIMA

 

 

Vieni in aiuto alla mia infermità, Signore. 

La storia del paralitico che giace da molti anni sul bordo della piscina aspettando di poter scendere nell'acqua al momento opportuno è la storia di ogni uomo. Un po' tutti siamo ciechi o paralitici o sordi o muti. Un po' tutti possiamo rapportarci all'uomo dalla mano rattrappita o all'idropico. La malattia o il limite appartengono alla nostra condizione umana. Gesù è il medico che sana e guarisce tutti. Gesù è il Dio che viene in aiuto della nostra debolezza. Gesù è colui che ha realizzato quanto le antiche scritture avevano previsto quando avevano parlato del pastore che porta gli agnellini sul petto e le pecore madri sulle spalle. Infinita ed indescrivibile è la sua bontà. Egli è compassionevole e misericordioso, lento all'ira e pieno di bontà, non lascia mai andare a mani vuote chi si avvicina a lui, supplicandolo e abbandonandosi alla sua volontà. Dal suo comportamento dobbiamo apprendere che, per essere "conformi" a lui, dobbiamo fare nostri i suoi paradigmi di bontà. Dobbiamo aprirci a soccorrere quanti appaiono ai nostri occhi, e nella storia del mondo, come bisognosi di aiuto. Di poveri, come diceva Gesù, ce ne sono tanti nel mondo. Non dobbiamo mai smettere di interessarci di loro. E' importante che nel povero, nell'ammalato, nell'indigente, noi sappiamo vedere Gesù ed impariamo a chinarci su tutti con la sua bontà. Non basta infatti dividere il proprio pane con l'affamato o il proprio abito con chi è nudo. Bisogna sapere condividere la propria condizione umana con l'altro come Gesù ha condiviso la sua natura divina con noi e ci ha arricchiti col dono di sé. 

Il vero amore sta nel fare propria la povertà altrui

 senza mai condannare o accusare chi avesse sbagliato.

 

(brano tratto dal libretto Quaresima - Il cammino di conformità a Cristo Gesù - di N.Giordano)

 

 

PREGHIERA PER LA QUARESIMA

 

O Signore Dio,
sradicate, estirpate dalla mia anima
tutto ciò che il nemico vi ha piantato.
Togliete dal mio cuore e dalle mie labbra
tutta l’iniquità,
datemi l’intelligenza
e l’abitudine del bene,
affinché in opere e verità
io non serva che Voi solo.
Io sappia compiere i precetti del Cristo
e cercare Voi, o mio Dio!
Accordatemi la memoria,
la carità, la fede.
Signore operate in me il bene
e donatemi ciò che Voi
giudicate utile.

 

(San Colombano)

 

 

LITANIE DEL PENTIMENTO

 

FIORETTO DEL GIORNO:

 

Compiere un atto di gentilezza proprio quando non se ne ha voglia.

scrivi il tuo nome se oggi hai fatto un fioretto:

 

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno