HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

30 OTTOBRE

 

BEATO ANGELO D'ACRI

 

Acri, 19 ottobre 1669 - 30 ottobre 1739

Nato nel 1669 ad Acri (Cosenza), Lucantonio Falcone ebbe un cammino vocazionale singolarmente travagliato. Entrò e uscì dal noviziato cappuccino per ben due volte. Il terzo tentativo fu decisivo. Venne ordinato sacerdote nel 1700 nella cattedrale di Cassano. Esercitò il suo apostolato come padre provinciale e, soprattutto, come predicatore in tutto il Mezzogiorno per 40 anni. Era conosciuto come l'«Angelo della pace». In vita e dopo la morte, avvenuta nel 1739, compì numerosi miracoli. Il suo corpo è venerato nella basilica di Acri, che è a lui dedicata. È stato beatificato da Papa Leone XII nel 1825. (Avvenire)

 

TRIDUO

I. GIORNO
Consideriamo come il B. Angelo fin da fanciullo, con l'aiuto della Divina grazia, cominciò la carriera della santità , alla quale poi giunse felicemente, mediante la divozione verso la Madre di Dio, e dei suoi dolori, come ancora della passione del suo Figliuolo Gesù Cristo. A tale divozione aggiunse la penitenza, che l'era proporzionata alla sua età: frequentava i Santissimi Sacramenti: fuggiva le occasioni malvagie : ubbidiva fedelmente ai Genitori : rispettava le Chiese, ed i Sacri Ministri : attendeva all'Orazione, onde da giovanetto ancora, era riguardato dal popolo come un Santo. Ed Egli, essendo uomo, viveva da Angelo santo. 

 

3 Pater, Ave, Gloria

 

PREGHIERA.
O B. Angelo , che dall'alto dei cieli mirando, vedete quanto sia grande la debolezza nostra nell'esercizio delle virtù, e quanto sia grande la propensione , che abbiamo verso il male; deh.. ! muovetevi a compassione di noi, e pregate il Signore a darci le grazie necessarie per amare il vero bene, e fuggire tutto ciò, ch'è peccaminoso. Ci dia ancora la grazia d'imitarvi nelle sante operazioni, per esser poi un giorno in vostra compagnia nel Cielo. Così sia. 

 

 

II. GIORNO.
Consideriamo come il B. Angelo illuminato dalla Divina grazia, conobbe quanto siano vane le cose tutte del mondo, e aiutato dalla grazia stessa le disprezzò con tutto il cuore, come cose indegne di essere amate, perchè insussistenti. Perciò ebbe per nulla le ricchezze, gli onori, cariche, dignità, e i diletti tutti mondani, amando la povertà, l'abiezione, la penitenza, e quanto altro il mondo fugge, ed aborre, per non conoscerne la dignità, ed il valore. Egli amò Iddio con tutto il suo cuore, e tutte le cose, che danno gusto a Dio, cosicchè di giorno in giorno andava sempre più crescendo nell'amor Divino, e nelle virtù tutte, che ora sono coronate in Cielo. 

 

3 Pater, Ave, Gloria

 

PREGHIERA.
O B. Angelo pregate il Signore per noi, affinchè colla sua grazia ci distacchi dalle vanità del mondo per amare Lui solo con tutto il nostro cuore, per esercitarci nelle virtù per suo amore di continuo, onde con libertà di spirito servendolo in questa vita mortale, possiamo un giorno essere in vostra compagnia a lodarlo per tutta l'eternità nel Paradiso. E così sia.

 

 

III. GIORNO.
Consideriamo come il B. Angelo fu sempre applicato a dilatare la gloria di Dio. A tal fine erano diretti i suoi pensieri, i suoi desideri, e le sue operazioni. Affinchè fosse Iddio glorificato, non badò a fatiche, a sudori , ed a patimenti richiesti per la conversione dei peccatori, e per la perseveranza dei giusti nel bene. Alla sola gloria di Dio riferiva le estasi meravigliose, perseverando così fino all'ultimo momento della sua vita, che terminò per forza del Divino amore, lodando, e benedicendo Iddio, che anche dopo la morte lo rese coi miracoli glorioso.

 

3 Pater, Ave, Gloria

 

PREGHIERA.
O B. Angelo, che in questo mondo attendeste con tutto il cuore a dilatare la gloria di Dio, e Iddio coi doni suoi vi rese lo stupore delle genti, per i tanti prodigi operati a vostra intercessione e per le vostre preghiere : deh.. ! or che siete di gloria coronato nel Cielo, pregate per noi miseri mortali, affinchè il Signor ci dia la grazia di amarlo con tutte le forze dello spirito per fino a che viviamo, e ci dia la perseveranza finale, ond' essere un giorno a goderlo in vostra compagnia. Così sia.

 

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno