HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

..

 

ATTILIO GIORDANI

Venerabile

 

Attilio Giordani nasce a Milano il 3 febbraio 1913. Il padre Arturo lavora in ferrovia, la madre Amalia è costretta a letto in seguito alla nascita di uno dei figli. Attilio è un ragazzo solare e dinamico. Vicino a casa ha scoperto l'oratorio di Sant'Agostino, tenuto dai Salesiani, che gli hanno fatto conoscere e amare don Bosco. 

 

L'oratorio sarà sempre la passione di Attilio. Lì riceve la prima formazione e si impegna, da giovane per i giovani, nella animazione gioiosa dei gruppi: per decenni è catechista e animatore geniale, semplice e sereno. Aderisce all'Associazione dei Salesiani Cooperatori, fondata nel 1876 da san Giovanni Bosco; conosce e usa gli strumenti del "sistema preventivo" di don Bosco per animare i suoi ragazzi: cura della liturgia, formazione, presenza e gioco in cortile, valorizzazione del tempo libero, teatro. Per i giovani Attilio organizza passeggiate, compone canti e scenette, inventa lotterie di beneficenza, cacce al tesoro parrocchiali e olimpiadi, senza mai dimenticare il centro della gioia cristiana: l'amore di Dio e del prossimo. 

 

Attilio ama Dio con tutto il cuore e trova nella partecipazione ai sacramenti, nella preghiera, nell'affidarsi a una guida spirituale le risorse per la vita di grazia. Nel 1934 è chiamato al servizio militare. Dimostra senso apostolico anche tra i compagni d'arma. Il servizio in divisa prosegue, a fasi intermittenti e in luoghi diversi, dal fronte greco-albanese alla Francia meridionale, fino all'armistizio dell'8 settembre 1943, quando si rifugia a Vendrogno (Lecco) e lì continua il suo impegno di apostolato tra i ragazzi. 

 

L'amore e la famiglia: Durante la guerra Attilio inizia il suo fidanzamento con Noemi Davanzo, che ha conosciuto all'oratorio e come lui è impegnata nel servizio educativo tra i fanciulli. Nel 1944 può venire a Milano per sposarsi. Noemi con la sua dolcezza lo accompagnerà e sosterrà per tutta la vita. Dalla loro unione nasceranno i tre figli Piergiorgio, Maria Grazia e Paola. In famiglia Attilio è marito e padre presente, ricco di grande fede e serenità, in una voluta austerità e povertà evangelica a vantaggio dei più bisognosi. 

 

Lavoro, educazione e festa. Nel dopoguerra Attilio è impiegato alla Pirelli. Lavora con grande senso del dovere e della giustizia, diffonde buonumore e spirito di solidarietà. Riprende a pieno ritmo la sua attività di catechista e impareggiabile animatore dell'oratorio. Per coinvolgere i ragazzi nell'impegno di carità dà vita alla "Crociata della bontà", un grande gioco, ricco di fantasia, che educa al dono di sé nella libertà e nella concretezza: i ragazzi diventano "cavalieri" impegnati a realizzare l'impresa" di aiutare chi è nella necessità. La "Crociata" sarà imitata in tutta Italia. 

 

Ogni giorno Attilio è fedele alla meditazione, all'Eucaristia, al rosario. La sua salute è duramente provata da un infarto, che lo costringe a lunghissima convalescenza, ma non frena il suo slancio missionario. A 59 anni potrebbe godere una meritata pensione. Ma quando i tre figli vanno in Brasile per un periodo di volontariato missionario con l'Operazione Mato Grosso, Attilio con Noemi decide di raggiungerli: vuole vivere totalmente la sua paternità e condividere con i figli il progetto di impegnarsi per gli altri dentro nuovi orizzonti. Anche in Brasile continua a essere catechista e animatore tra i ragazzi. Il 18 dicembre 1972, a Campo Grande, nel corso di una riunione, sta parlando con ardore del dovere di dare la vita per gli altri, quando improvvisamente si sente venir meno. 
«Continua tu». Attilio fa appena in tempo a dire al figlio: «Piergiorgio, continua tu...», e muore stroncato da un infarto. La sua salma, trasportata in Italia, riposa ora nella "sua" basilica di Sant'Agostino a Milano. Nell'omelia per le esequie il parroco disse: «A ciascuno di noi Attilio ripete la frase che, morendo, ha detto al figlio: "Continua tu"». 

 

PREGHIERA PER CHIEDERE LA BEATIFICAZIONE

E LA CANONIZZAZIONE DI ATTILIO GIORDANI

 

Ti rendiamo grazie, Padre Santo, 

per i doni concessi al tuo servo fedele 

ATTILIO GIORDANI, 

padre di famiglia, salesiano cooperatore,

catechista e animatore dell'Oratorio,
maestro di santità. 

Donaci la gioia di vederlo glorificato 

come protettore e modello delle nostre famiglie 

e dell'apostolato fra i giovani. 

Per sua intercessione concedi a noi la grazia 

che ti chiediamo con cuore fiducioso. 

Amen.

 

Per informazioni e per comunicazione
di grazie ricevute, rivolgersi alla
Postulazione Generale dei Salesiani
Via Della Pisana, 1111 - 00163 Roma.
Approv. eccles. Curia Arc. di Milano, 17-XI-1994

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno