HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

AD MEMORIAM:

DON PIETRO BERRUTI

 

 

 

Sacerdote Salesiano di Don Bosco
† Torino, 7 marzo 1885 - 1 maggio 1950

Fu un Missionario e un grande Salesiano: le qualità umane, culturali e morali di don Pietro conquistavano tutti. Fu Docente di scienze teologiche, Maestro dei novizi, Direttore a Macul (1917-1926), Ispettore dei Salesiani in Cile (1927-1932). Nel 1932, fu richiamato in Italia: la sua fama di uomo e di pastore saggio e santo conquistò i responsabili delle varie Ispettorie Salesiane del mondo. Don Pietro venne eletto prefetto generale della Società Salesiana, Vicario del Rettor Maggiore e Visitatore straordinario del mondo salesiano. Era definito “l’aristocratico della bontà”. La carità fu la caratteristica più importante della sua opera. Raggiunse il culmine quando, durante la seconda guerra mondiale, volle che ogni Casa Salesiana aprisse le porte ai giovani abbandonati, orfani e in difficoltà. Questo gli meritò il titolo di “Padre dei ragazzi di strada”.

 

 

Invito alla santità 

parole di di don Pietro Berruti

 

La nostra santificazione é volontà di Dio: vogliamo disgustarlo? La santità è uno dei tanti ritrovati del suo amore e della sua misericordia. Egli non si contenta di facilitarci il Paradiso; ma ci fa dolce pressione perchè in Paradiso andiamo su su e occupiamo i seggi di quelli che hanno da giudicare il mondo. Il farci santi è cosa facile, tanto facile che molti, moltissimi si fecero santi; e molti di essi si trovavano in condizioni meno felici delle nostre. Essi, al cominciare il loro lavoro di santificazione, provavano quelle stesse difficoltà e quello stesso senso di smarrimento e di timore che proviamo noi oggi. Eppure si fecero santi... Perchè la santità è cosa molto semplice, davvero semplicissima: si fa santo chi ama molto Dio; ama molto Dio chi fa sempre la sua volontà; fa sempre la sua volontà chi fa quel che deve fare, ossia chi fa bene quel che deve fare, cioè le azioni ordinarie. Dunque si fa santo chi fa bene le azioni ordinarie: il ministero, la scuola, il lavoro, la ricreazione, i pasti... Non si tratta di andar sempre con gli occhi a terra e la testa curva, con le mani giunte, seri, impassibili, ieratici come figure bizantine; si può scherzare, ridere, giocare, dedicarsi a lavori che piacciono... Nè occorre fare sempre atti eroici o mortificazioni continue. Basta che facciamo quel che ci domanda Dio nella Regola, e lo facciamo bene; quel che vogliono i superiori, e lo facciamo bene. E notate che le azioni non sono collegate in modo che se una è difettosa, le altre lo siano pure. Ogni azione è indipendente: qualunque sia il nostro passato, comunque abbiamo passato la mattina, possiamo alla sera santificare l'anima nostra facendo bene allora quel che dobbiamo fare... Qualcuno si preoccupa: come farò? di dove comincerò? come continuerò?... Chi deve costruire l'edificio della nostra santità non siamo noi; è Dio. Noi siamo come il garzone del muratore: egli porta calce, arena, acqua, mattoni; ma chi costruisce è il muratore. Portiamo il nostro piccolo contributo i mattoni dell'edificio della nostra santità (le azioni ordinarie, fatte meglio che possiamo) e Dio farà il resto.

 

....

 

La santità alla quale devi aspirare sia quella di Don Bosco: semplice, senza pretese; nascosta, fatta di confidenza in Dio e di umile riconoscimento delle proprie deficienze e colpe quotidiane; una santità intessuta delle ordinarie azioni fatte il meglio che si può, come Dio vuole; fatta di benigno compatimento dei difetti altrui, di ottimismo che vede solo il bene degli altri e ne incoraggia le sane attitudini, che ti mette alla portata di tutti, sempre a loro disposizione come il Signore che ogni giorno tu sacrifichi per te e per gli altri, che ti fa dimenticare te stesso, le tue comodità, i tuoi piaceri, le tue soddisfazioni, per fare ciò che piace ai tuoi confratelli, ai giovani, alle persone le cui anime ti sono affidate ». 

 

Per conoscere la sua vita e le grandi virtù di don Pietro Berruti:

 

- "Don Pietro Berruti, Luminosa figura di Salesiano - Autore: Pietro Zerbino - Società Editrice Internazionale

 

- "Don Berruti, l'aristocratico della bontà" - Autore: Adolfo L'Arco - Casa Editrice Elle Di Ci (1968)

 

Indice di tutte le pagine dedicate alla Famiglia Salesiana: qui

 

 

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno