.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL GIORNO                                                                                                           

12° Gennaio

TERZA OFFERTA DEI MAGI: LA MIRRA


1. Simbolo d'incorruttibilità. Anche la mirra era scelta e posta in mano ai rè Magi per simboleggiare che Gesù era vero Dio, e ad un tempo vero uomo. Come Dio, Gesù è eterno ed incorruttibile; ma, come uomo, era soggetto a morte; i Magi, come la Maddalena col suo balsamo (Joan. 12, 3), prevennero la imbalsamazione di Gesù, Guai se il tuo corpo dovesse cadere nella dissoluzione dell'inferno! Basta un solo peccato mortale... a dannarci.


2. Simbolo d'amarezza. La mirra sa d'amaro; diveniva così simbolo dei patimenti che Gesù avrebbe dovuto sopportare nei primi giorni e poi per tutta la vita. Se nella Passione bevve intero il calice, anche tra le fasce, nella nuda stalla, nella povertà, nel freddo della stagione, quanto patì! Volle amarezze e patimenti in tutta la sua vita... E tu li fuggì? E tu non sai patire nulla per amor di Dio? Ama la mortificazione.


3. Simbolo di mortificazione. L'amarezza della mirra raffigurava ancora i sacrifici costati ai Magi per ritrovare Gesù, e la volontà risoluta di vincere e sacrificarsi nell'avvenire per amore di lui. È pur sempre vero il detto di S. Vincenzo de' Paoli, che la mortificazione è l'abbici della perfezione; e san Paolo intima: Porta sempre con tè la mortificazione di Gesù (II Cor. 4, 10). E tu come ti mortifichi?


PRATICA. — Fa una mortificazione per unirti ai patimenti di Gesù sofferente nella culla.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni