.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL GIORNO                                                                                                           

20° Febbraio

LE NOZZE DI CANA


1. Gesù presiede il convito. Egli non sdegnò di prendere parte alle gioie innocenti di quella famiglia; ovunque regna la virtù, ivi è Dio; e qualunque cosa tu faccia, se è fatta per amor di Dio, il Signore la benedice. Se vuoi che la tua mensa e i tuoi conviti siano santi, invita Gesù, ossia la carità li presieda; invita Maria, ossia la modestia, la moderazione e la mortificazione ti siano compagne; invita gli Apostoli, ossia pensa ai poverelli.


2. Maria chiede il primo miracolo. Immagina la confusione degli sposi per la mancanza del vino: l'affanno sottentra alla gioia. Maria, attenta sempre e previdente per i bisogni del prossimo, se ne avvede, cerca il rimedio; s'alza, ed all'orecchio del Piglio sussurra queste poche parole: Vinum non habent (Gv 2, 3), non hanno più vino. Com'è buona Maria! Quando ella prega, è sicura della grazia... O Maria, pregate per il mio povero cuore, perché da Voi spero tutto.


3. Gesù accontenta sua madre. Pareva inopportuno il tempo e il luogo di compiere un miracolo : L'ora mia non è ancor giunta, rispose Gesù; ma frattanto, per dimostrare che nulla sa negare alla sua Madre Maria, compie, in grazia di Lei, il suo primo miracolo della vita pubblica: muta l'acqua in vino, e consola gli sposi. — Impara a strappare le grazie a Gesù per intercessione di Maria.


PRATICA. — Ravviva la tua confidenza in Maria. invocandola: Salve, mia dolce speranza: Spes nostra, salve.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni