.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL GIORNO                                                                                                           

7° Luglio

COME ONORARE LO SPIRITO SANTO


1. Col divenire spirituali. Lo Spirito di Dio discese nei nostri cuori nel santo Battesimo, recandoci la forza per combattere contro la carne, il demonio e il mondo, affinché sprezzata la terra, cercassimo il Cielo. E noi, sempre terreni, cerchiamo le ricchezze, gli onori, il fango, le vanità!... Ridiscese in noi nella Cresima nella sua pienezza per formarci perfetti cristiani e soldati di Gesù Cristo, tesi a raggiungere il cielo. Come vi corrispondiamo? Per chi fatichiamo?


2. Col farci santi. Questo è il desiderio dello Spirito Santo venendo in noi : infonderci la sua santità, abbellire delle più elette virtù le anime nostre, e innalzarci santi con Lui al Paradiso. Tale dovrebbe essere il nostro pensiero, il sospiro, il nostro più ardente desiderio, rivolgendo tutte le nostre forze a farci santi. Quanto onore e quanta consolazione procureremmo allo Spirito Santo!


3. Crescendo nell'amore. È spirito di fuoco, di ardore, di Amore divino; comparve come lingua ardente, infiammò il cuore degli Apostoli. Anche in noi portò la scintilla del fuoco celeste: perché dunque rispondiamo con la freddezza, con la tiepidezza, con un nauseante languore alle opere di Dio e al lavoro di Dio in noi? Imploriamo con insistenza il fuoco d'amore dallo Spirito Santo: Accende, infunde; ma anche noi amiamo, consumiamoci di Amor di Dio.


PRATICA. — Di' qualche volta: Signore, quando sarò santo? Tre volte il Veni Creator.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni