.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL MESE                                                                                                           

4° Ottobre


LA PIU’ BRUTTA DELLE MORTI


1. Non è il morire. Riesce sempre duro il morire, in qualunque età c'incolga. Per un istinto infuso da Dio nelle nostre membra, sentiamo amore alla vita, e il separarsene, anche per il giusto, è. un sacrifizio. Eppure, se pensi alle tante miserie che ti assediano, ai pericoli di perderti; se rifletti che tosto o tardi devi morire; che la morte è un passaggio al Cielo, al godimento, non se ne addolcisce il pensiero? Oh quanti Santi dissero: Non credevo così dolce il morire!...


2. Non è il morire improvviso. Fa colpo una tale morte, e la Chiesa ci mette in bocca: Liberaci, o Signore, dalla morte subitanea e improvvisa! Per chi vive vigilante con la lucerna in mano, come le vergini della parabola evangelica, disposto ad incontrare lo Sposo in qualunque ora giunga; per chi sta con il cuore senza peccato: non gli è eguale qualsivoglia morte? S. Andrea Avellino fu colpito all'altare, san Venceslao pregando: e sono Santi. E tu come ti prepari? Se giungesse oggi la morte, non sarebbe improvvisa per te?


3. È il morire in peccato! Dopo la morte, non vi è più tempo per pentirsi, non più Sacramenti, non più mezzi per tornare sulla buona via; dove cadrà l'albero, ivi starà in eterno!... Se un peccato mortale macchia l'anima tua, quando cadi in seno alla Giustizia divina, è decisa la tua sorte di perdizione!... Come puoi tu vivere un'ora sola in peccato? Come puoi scherzare e ridere rasentando l'inferno?... Se ci pensi, come osi commettere anche un solo peccato?


PRATICA. — Pensa cinque minuti che hai da morire: ascolta che cosa ti rimprovera il cuore.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni