.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL MESE                                                                                                           

5° Ottobre

IL PECCATORE AL GIUDIZIO


1. Il peccatore vedrà e s'adirerà. Così dice il profeta Davide, ispirato da Dio. Vedrà quel Dio che disprezzava o credeva indifferente alle azioni dell'uomo; vedrà e conoscerà i benefizi ricevuti e le calde premure di Dio per salvarlo; vedrà quel Gesù da lui trafitto con i peccati, con le bestemmie, con lo sfogo delle passioni; vedrà il numero e la gravità delle proprie colpe... allora si adirerà contro se stesso : " Oh stolto che fui! Che insensato!... ”. Che servirà, allora, il pentimento? Troppo tardi!...


2. Il peccatore fremerà. Se per il peccatore non fosse stato facile il convertirsi, se avesse ignorata la via, se non fosse stato avvertito, se l'esempio altrui non l'avesse stimolato al bene, se potesse dire: Dio mi voleva dannato; si consolerebbe nell'impossibilità di salvarsi; ma nulla di ciò... Qual fremito nel conoscere che tutto dipendeva da lui, e fu volontario e libero il vivere da peccatore!... Pensaci mentre sei in tempo.


3. Perirà il desiderio del peccatore. Sperava di godersi due paradisi, in questo e nell'altro mondo : vedrà d'averla sbagliata; desidererà pietà dal suo Giudice: ma la giustizia è subentrata alla misericordia; desidererà convertirsi, riparare con la penitenza, soddisfare agli enormi debiti contratti con Dio; ma, allora, tale desiderio è inutile! Piombati nell'eternità, sotto i fulmini di Dio, la sentenza sarà tremenda, irrevocabile. Tutto dipende da te... Che risolvi?


PRATICA. — Vivi sempre in grazia di Dio, per essere sempre pronto a presentarti al giudizio; recita il Miserere.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni