.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL MESE                                                                                                           

6° Ottobre

IL FIGLIO PRODIGO


1. Partenza del figlio prodigo. Che ingratitudine, che superbia, che arroganza ostenta questo figlio presentandosi innanzi al padre e dicendogli: Dammi la mia parte, voglio andarmene, voglio godermela!,.. Non è forse il tuo ritratto? Dopo tanti benefizi di Dio, non dici anche tu: Voglio la mia libertà, voglio fare a modo mio, voglio peccare?... Un dì eri praticante, buono, con la pace in cuore; forse un falso amico, una passione t'invitava al male: e tu hai lasciato Dio... Sei forse più contento ora? Che ingrato e infelice!


2. Disillusione del prodigo. La tazza del piacere, del capriccio, dello sfogo delle passioni, ha miele sull'orlo, in fondo amarezza e veleno! Lo provò il prodigo, ridotto povero ed affamato, ad esser guardiano di animali immondi. Non lo provi anche tu, dopo il peccato, dopo l'impurità, dopo la vendetta, e anche dopo il peccato veniale deliberato? Che agitazione, che delusione, che rimorso! Eppure seguiti a peccare!


3. Ritorno del prodigo. Chi è questo padre che aspetta il prodigo, che gli corre incontro, lo abbraccia, lo perdona e con gran festa si rallegra del ritorno d'un figlio tanto ingrato? È Dio, sempre buono, misericordioso, che dimentica i suoi diritti, purché torniamo a Lui; che cancella in un istante le tue colpe, sebbene innumerevoli, ti adorna della sua grazia, ti ciba delle sue carni... Non confiderai in tanta bontà? Stringiti al Cuore di Dio, e non dipartirtene mai più.


PRATICA. — Ripeti lungo il giorno: Gesù mio, misericordia.

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni