.

.

Cappellina Home  

 

MEDITAZIONE DEL MESE                                                                                                           

7° Ottobre

IL NOSTRO TEMPERAMENTO


1. Il temperamento è sovente un difetto. Ogni persona porta dalla natura una disposizione di spirito, o di cuore, o di sangue, detta temperamento. Esso è ardente o apatico, irascibile o pacifico, tetro o giocondo: il tuo qual è? Impara a conoscerti. Ma il temperamento non è virtù, è ben sovente di peso a noi, e origine di patimenti per gli altri. Se non viene represso a che non può condurti! Non senti i rimproveri del tuo brutto temperamento?


2. Correggi il tuo temperamento. E’ cosa difficile assai; ma con il buon volere, con il combattere, con l'aiuto di Dio, non è impossibile; S. Francesco di Sales, S, Agostino, non vi riuscirono? Ci vorrà del tempo assai, molti esami e pazienza; ma hai tu almeno cominciato a disciplinarlo? In tanti anni, quali progresso hai fatto su te stesso? Non si tratta d'annientare, bensì di dirigere al bene il tuo temperamento, volgendo il tuo ardore in amor di Dio, la tua irascibilità, in odio al peccato, ecc.


3. Sopporta il temperamento altrui. A contatto con tanti, svariati e strani temperamenti, sai farti dei meriti con il tollerarli, con il compatirli, con il sopportarli? È vero, sono uno scoglio per la nostra superbia, e per la nostra scarsa virtù; eppure, la ragione ci dice di sopportare gli altri perché sono uomini e non angeli; la carità consiglia di chiudere un occhio per mantenere la pace e l'unione; la giustizia intima di fare agli altri quanto pretendi per te; il proprio interesse dice: Tollera e sarai tollerato. Quale argomento di serio esame e di vigilanza!


PRATICA. — Recita tre Angele Dei, e prega gli altri di avvertirti quando sbagli per temperamento

 

 

Tratto da: Brevi meditazioni per tutti i giorni dell'anno e sopra le solennità della Chiesa proposte alle anime pie (Agostino Berteu)

 

 

il Chiostro: indice meditazioni