HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

08 MARZO

 

SAN GIOVANNI DI DIO

fondatore dei fate-bene-fratelli / patrono degli ospedali e dei malati

Juan Ciudad, nato a Montemor-o-novo, presso Evora (Portogallo) l'8 marzo 1495, all'età di otto anni scappò di casa. A Oropesa nella Nuova Castiglia la gente, non sapendo nulla di lui, neppure il cognome, cominciò a chiamarlo Giovanni di Dio e tale rimase il suo nome. Fino a 27 anni fece il pastore e il contadino, poi si arruolò tra i soldati di ventura. Chiusa la parentesi militaresca, vagò per mezza Europa e finì in Africa a fare il bracciante; per qualche tempo fece pure il venditore ambulante a Gibilterra; stabilitosi infine a Granata vi aprì una piccola libreria. Fu allora che Giovanni di Dio mutò radicalmente indirizzo alla propria vita, in seguito a una predica del B. Giovanni d'Avila. Giovanni abbandonò tutto, vendette libri e negozio, si privò anche delle scarpe e del vestito, e andò a mendicare per le vie di Granata, rivolgendo ai passanti la frase che sarebbe divenuta l'emblema di una nuova benemerita istituzione: "Fate (del) bene, fratelli, a voi stessi".
 Fondò un ospedale e raccolse i suoi collaboratori in una grande famiglia religiosa, l'ordine dei Fratelli Ospedalieri, meglio conosciuti col nome di Fatebenefratelli. 

Morì a soli cinquantacinque anni, il giorno del suo compleanno, l'8 marzo 1550. 

Fu canonizzato nel 1690. Leone XIII lo dichiarò patrono degli ospedali e di quanti operano per restituire la salute agli infermi.

 

PREGHIERA A SAN GIOVANNI DI DIO

 

Ai vostri piedi prostrato, o gran padre degli infermi,

vengo oggi per impetrare da voi che siete dispensatore di celesti tesori,

la grazia della cristiana rassegnazione, e la guarigione dei mali

che travagliano il corpo e l'anima mia.

O medico celeste, deh! non sdegnate di venire in mio soccorso,

ricordandovi i prodigi di carità operati nei giorni della vostra mortale

carriera a beneficio dell'umanità sofferente.

Siate voi il balsamo salutare che lenisca i dolori del corpo:

voi il freno potente che trattenga l'anima da fatali traviamenti:

voi il conforto, la luce, la guida nell'aspro sentiero

che porta alla salute eterna.

Soprattutto, o padre mio amorosissimo, ottenetemi la grazia

di un sincero pentimento dei miei peccati, affinchè possa,

quando a Dio piacerà, venire a benedirvi e ringraziarvi

nel Santo paradiso. Così sia.

 

PREGHIERA

 

Signore Gesù che facendoti uomo, 

hai voluto condividere le nostre sofferenze, 

ti supplico, per l'intercessione di Giovanni di Dio 

di aiutarmi a superare questo difficile momento della mia vita.
Come un giorno hai dimostrato 

una particolare predilezione verso i malati, 

così ora rivela anche a me la tua bontà. 
Ravviva la mia fede nella tua presenza 

e dona a quanti mi assistono

 la delicatezza del tuo amore. 

 

 

Dalle «Lettere» di san Giovanni di Dio
Cristo é fedele e a tutto provvede

 

Se guardassimo alla misericordia di Dio, non cesseremo mai di fare il bene tutte le volte che se ne offre la possibilità. Infatti quando, per amor di Dio, passiamo ai poveri ciò che egli stesso ha dato a noi, ci promette il centuplo nella beatitudine eterna. O felice guadagno, o beato acquisto! Chi non donerà a quest’ottimo mercante ciò che possiede, quando cura il nostro interesse e ci supplica a braccia aperte di convertirci a lui e di piangere i nostri peccati e di metterci al servizio della carità, prima verso di noi e poi verso il prossimo? Infatti come l’acqua estingue il fuoco, così la carità cancella il peccato (cfr. Sir 3, 29).
Vengono qui tanti poveri, che io molto spesso mi meraviglio in che modo possano esser mantenuti. Ma Gesù Cristo provvede a tutto e tutti sfama.

 

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno