HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

.

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

08 LUGLIO

 

SANTI AQUILA E PRISCILLA

 

Sposi e martiri del I secolo, discepoli di San Paolo

 

Aquila e Priscilla erano due coniugi giudeo - cristiani, molto cari all'apostolo Paolo per la loro fervente e molteplice collaborazione alla causa del Vangelo. Aquila, giudeo originario del Ponto, trasferitosi in tempo imprecisato a Roma, sposò Priscilla (o Prisca).L'apostolo intuì subito le buone qualità dei due coniugi, quando chiese di essere ospitato nella loro casa a Corinto. I due lo seguirono anche in Siria, fino ad Efeso. Qui istruirono nella catechesi cristiana Apollo, l'eloquente giudeo - alessandrino, versatissimo nelle Scritture, ma ignaro di qualche punto essenziale della nuova dottrina cristiana, come il battesimo di Gesù. Aquila e Priscilla fecero in modo di battezzarlo prima che partisse per Corinto. Niente si può asserire con certezza sul tempo, luogo e genere di morte di Aquila e Priscilla, dato che le uniche fonti su di essi sono citazioni bibliche. Alcuni identificano Priscilla con la vergine e martire romana Prisca e Aquila con qualcuno della gens Acilia, collegata con le Catacombe, perciò i due sarebbero martiri per decapitazione. (Avvenire)

 

PREGHIERA

Ti ringraziamo Signore per gli amici dell’Apostolo Paolo:

Aquila e Priscilla sono stati una coppia che ha dato tutto a Te

e che si è interamente consacrata alla diffusione del Tuo Vangelo.

Pur mantenendo le loro responsabilità professionali,

hanno aperto la loro casa a tutte le persone desiderose

di conoscere il Signore Gesù.

La nostra generazione è avida di vedere

la testimonianza pratica di uomini e di donne,

di coppie e famiglie che vivono il Vangelo;

Aiutaci Signore nelle nostre giornate;

facci capire che possiamo essere la prova che

vivere le nostre giornate, le nostre azioni secondo la Tua Parola,

trasforma l’esistenza e dà la vera felicità.

RIFLESSIONE

 

Aquila e Priscilla, una coppia cristiana di sposi, 

stretti collaboratori di S. Paolo a Corinto poi a Efeso ed infine a Roma.

Possiamo definirla la prima coppia missionaria della storia della Chiesa. E’ una

coppia di grande esempio sia per i fidanzati che hanno deciso di ricevere il

sacramento del matrimonio che per gli sposi che lo hanno già ricevuto perché ci

dicono con la loro vita come si dovrebbe vivere il Matrimonio Sacramento.

 

Di loro

giudeo-cristiani originari del Ponto. Vivono a Roma, da dove devono fuggire,

espulsi con gli altri ebrei per ordine dell’imperatore Claudio. Sono laici, che si

spostano lungo le rotte commerciali del tempo. Vivono le dimensioni ampie del

mondo greco-romano; abitano grandi città cosmopolite, punti di incontro di

popoli e di culture. Ne sperimentano le tensioni e i conflitti. Sono artigiani e si

guadagnano la vita fabbricando tende, come Paolo che incontrano a Corinto. A

lui sono legati da vincoli di amicizia e collaborazione nel fondare quella chiesa.

Seguono poi Paolo ad Efeso, dove restano quando Paolo riparte. Li troviamo

alla fine di nuovo a Roma. E’ importante sottolineare l’unità di questi due

coniugi. Quando S. Paolo ne parla li cita sempre entrambi. Sono sempre insieme,

si muovono insieme da un posto all’altro, lavorano insieme, sono entrambi

impegnati nella via di Dio.

 

Aquila e Priscilla hanno fatto della loro casa una vera chiesa domestica, 

dove ci si incontra, si coltivano legami di fraternità, si prega insieme,

si ascolta l’apostolo, si spezza il pane, ci si apre alla missione. Un’ulteriore

lezione non trascurabile possiamo trarre dal loro esempio: ogni casa può

trasformarsi in una piccola chiesa. Non soltanto nel senso che in essa deve

regnare il tipico amore cristiano fatto di altruismo e di reciproca cura, ma

ancor più nel senso che tutta la vita familiare, in base alla fede, è chiamata a

ruotare intorno all’unica signoria di Gesù Cristo. Anzi potremmo ritenere che

l’Apostolo indirettamente moduli la vita della Chiesa intera su quella della

famiglia. E la vita coniugale responsabilmente impegnata a servizio di tutta la

comunità cristiana. E troviamo in loro il modello della Chiesa, famiglia di Dio

per tutti i tempi.

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno