HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

 

 

Precedente Su Successiva

 

 

NOSTRA SIGNORA DI LAUS

 

 

NOVENA alla MADONNA di LAUS

(clicca)

 

STORIA DELLE APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DEL LAUS 

 Saint-Étienne-le-Laus, Francia

 

Benedetta Rencurel era nata a Saint-Étienne-le-Laus il 17 settembre 1647; precocemente orfana, amava recitare il rosario quando portava a pascolare il gregge della famiglia Jullien nel Vallone dei Forni (Vallon des Fours), nei dintorni del suo villaggio. Proprio a lei apparirà la Vergine con un bellissimo bambino in braccio.

 

Nostra Signora del Lago in lingua occitana o Notre-Dame du Laus, è l’appellativo con cui i cattolici venerano Maria, in seguito alle apparizioni che avrebbe avuto, dal 1664 al 1718, la pastorella francese Benedetta (Benoîte) Rencurel, prima presso Saint-Étienne-le-Laus, suo paese natale, poi presso Laus, dove ora sorge un santuario, vicinissimo alla frontiera con il Piemonte, sulle Alpi Marittime del Delfinato. Le apparizioni sono state riconosciute ufficialmente dal vescovo di Gap Jean-Michel di Falco il 4 maggio 2008.

 

Le prime apparizioni sono silenziose, poi la Signora svela la sua identità e, dopo un mese di preannunciato silenzio, chiede infine che venga costruito in onore del Figlio un santuario, al posto di una cappella quasi abbandonata, dedicata a “Notre Dame de Bon Rencontre” (“Madonna del Buon Incontro”), in un luogo chiamato Laus.

 

Un po’ alla volta, la bella Signora prende confidenza con Benedetta e la coinvolge in domande e risposte, la guida, la conforta, la rassicura, le chiede di fare qualcosa per lei, l’aiuta a capire meglio gli altri e ad amare di più Dio.

 

Pur esortata dalla bella Signora a farsi ancora più umile, la giovane veggente non può nascondere ancora per molto quanto le sta accadendo. Presto anche le autorità ne vengono coinvolte ed esigono delle spiegazioni. La Madonna, perché ormai è chiaro che è della Vergine Maria si tratta, al Vallon des Fours domanda una processione di tutto il popolo e al punto di arrivo rivela finalmente il suo nome: “Mi chiamo Maria!”, per poi aggiungere: “Non riapparirò più per un certo tempo!”.

 

Difatti, trascorrerà circa un mese perché riappaia nuovamente, questa volta al Pindreau. Ha un messaggio per Benedetta:

 

“Figlia mia, salite la costa del Laus. Là troverete una cappella dove sentirete profumo di violetta.”

 

L’indomani Benedetta parte alla ricerca di questo luogo e scopre, dai profumi promessi, la piccola cappella dedicata a Notre Dame de la Bonne Rencontre.

 

Benedetta apre con trepidazione il portale e trova la Madre del Signore ad attenderla sopra l’altare polveroso. La cappella infatti è deserta e piuttosto abbandonata.

 

“Desidero far costruire qui una chiesa più grande in onore del mio adorato Figlio”, le annuncia Maria. “Esso sarà il luogo di conversione per numerosi peccatori. E sarà il luogo dove io vi apparirò molto spesso.”

 

Le apparizioni durano cinquantaquattro anni, con frequenza prima quotidiana poi mensile intervallate da periodi in cui la Vergine Maria non si presenta più alla veggente. Una devozione che non si interruppe mai e sopravvisse a molte alterne vicende, come la furia della Rivoluzione francese e la soppressione della diocesi di Embrun. Nel 1672 la veggente si trasferisce al Laus, per ricevere i pellegrini che cominciano ad affluire numerosi, e offre accoglienza e preghiera ma subisce anche vessazioni di origine diabolica. Perseguitata e picchiata dal demonio, per piu’ di trent’anni, ma non sara’ sola, verrà aiutata dagli Angeli, aiutandola e sostenendola, confortandola, e consolandola, medicandola poi nei duri e agguerriti attacchi di Satana. Avrà anche la grazia di essere portata in Cielo da Maria con i suoi Angeli, per visitare il Paradiso, Purgatorio e Inferno.

 

La Madonna, portandola in cielo le disse:

 

”Figlia mia, seguimi, ti mostrerò delle cose che non hai mai visto e che ti renderanno molto felice.”

 

Vedrà infatti una moltitudine di anime, una folla immensa si offrirà dinnanzi alla visita della pastorella. “E’ il popolo di Dio“, dira’ la Madonna a Benoite.

 

L’anno successivo le sarebbe apparso Gesù in Croce, e da quel momento Benedetta dice di aver vissuto in prima persona i dolori della Passione.

 

Per trent’anni Benoite si rechera’ la notte in Chiesa ai piedi della Croce di Avancon e nella sua stanza, in ginocchio, in preghiera, a piedi nudi anche in inverno. Recita ogni giorno numerosi Rosari, e per centocinquanta volte le Litanie della Santa Vergine con l’ammenda onorevole al Santo Sacramento.

 

Le sue ore di sonno, tre in gioventù, si ridussero ad una. Quando la folla di fedeli intasa l’ingresso dei confessionali, in occasione delle grandi Feste, Benoite non dorme e prega incessantemente. Quando i peccatori perseverano nei loro peccati, ella versa grandi lacrime, e quando gli occhi non hanno piu’ lacrime, ella costringe le sue membra a piangere lacrime di sangue sotto il cilicio, con i bracciali, le catene, le cinture di ferro con cui si copre il corpo.

 

Inizia poi un periodo di gravi difficoltà: dopo aver dovuto abbandonare Laus per un certo periodo, trasferendosi a Marsiglia, a causa dell’occupazione militare del duca di Savoia, i preti giansenisti cui è affidato il santuario cercano invano di farla entrare in convento, ma la sua scelta fu quella di rimanere in contatto con i pellegrini per esortarli alla conversione.

 

Il 28 dicembre 1718 Benedetta muore e viene sepolta prima nel cimitero del suo paese natale e poi, successivamente, nel santuario del Laus, davanti all’altare maggiore.

 

Il santuario di Notre Dame de Laus conserva tuttora al suo interno la cappella primitiva, detta de La Bonne Rencontre, dove la Vergine apparve a Benoîte Rencurel. Nell’abside della cappella, davanti al tabernacolo dell’altare maggiore, arde la lampada nel cui olio i pellegrini usano intingere le dita della mano destra per farsi devotamente il segno della croce.

 

In piccole fiale questo stesso olio viene poi spedito in tutti i paesi della Francia e dovunque nel mondo è diffuso il culto di Nostra Signora del Lago. È un olio dalle capacità portentose. Come la Madonna stessa aveva promesso alla sua veggente, se fosse stato utilizzato con un profondo atteggiamento di fede verso l’onnipotenza del suo Figlio, esso avrebbe provocato prodigiose guarigioni non solo fisiche ma anche spirituali, come in effetti puntualmente avviene da oltre due secoli.

 

 

Il messaggio rivolto alla Madre di Dio alla giovane pastorella nel lontano maggio del 1664 nel suggestivo luogo delle Alpi Francesi e’ un messaggio di straordinaria attualità, perché è centrato sulla Riconciliazione. E’ un messaggio di Misericordia e Riconciliazione.

 

Una lunga serie di vescovi hanno riconosciuto la soprannaturalità dell’apparizione incoraggiando i pellegrinaggi verso il santuario. La Madonna apparsa in quel lembo di Francia volle anche lasciare un segno tangibile della sua amorosa presenza in quel luogo benedetto: un soavissimo profumo.

 

Chiunque infatti sale al Laus può sentire questi misteriosi effluvi, che danno a tutti consolazione spirituale e una profonda serenità interiore. I profumi del Laus sono un fenomeno inspiegabile, che la scienza ha provato a spiegare ma senza effettivamente venire a capo di nulla. È un po’ il mistero ed il fascino di questa cittadella mariana incastonata su un solitario altopiano delle Alpi francesi, che attira ogni anno un gran numero di pellegrini da ogni parte del mondo.

 

 

Preghiera a Nostra Signora del Laus

 

"Dame Marie", come a Benedetta, donaci l'amore al rosario, alla Parola di Dio.

 

 Vogliamo pregare con grande fede per coloro che agiscono contro i comandamenti di Dio in modo che si rivolgano a Cristo Gesù e salvino le loro anime.

 

Insegnaci a privarci del superfluo per offrirlo ai più poveri, per essere più generosi.

 

Proteggici dalle tentazioni della carne, migliora le nostre vite morali.

 

Sii benedetta, Vergine Santissima, per le tante guarigioni del corpo e dell'anima che operi in questo luogo privilegiato e per il sacramentale dell'olio della lampada che aumenta la nostra fede.

 

Aiutaci ad aprirci al perdono di Dio e a pregare affinchè i cuori degli uomini si volgano a Gesù e ritrovino l'amicizia con Lui.

 

Aiutaci, Gesù, a compiere fedelmente ciò che ci chiederai di fare, nonostante le difficoltà che ci permetti di affrontare.

 

Rendici disponibili agli altri.

 

Padre, aumenta, approfondisci il nostro amore per Gesù Crocifisso e il nostro desiderio di essere uniti a Lui anche nella sofferenza per la salvezza delle anime. Amen!

 

 

Preghiera a Notre Dame du Laus

 

Sia benedetto il Signore che mi concede le grazie che chiedo per mezzo di Maria, sua Madre e mia Madre, per difendermi dal male, soprattutto in questo luogo di grazie che è il Laus. In questo luogo dei buoni profumi.

 

Nostra Signora di Laus, risveglia la mia anima dal sonno pesante che la intorpidisce per ricevere le grazie spirituali che Dio vuole donarmi attraverso la tua mediazione.

 

Nostra Signora del buon incontro, rifugio dei peccatori, liberami dalla schiavitù del peccato affinché possa decidere di seguire la via della santità. 

 

Bella Signora, coprirmi con il tuo manto e guidarmi sulla strada della conversione. Aiutami a dare al Signore tutto il mio passato, tutto il male che si è accumulato nel mio cuore.

 

Maria, insegnami la preghiera che mi farà conoscere la nuova via della gioia, per diventare la tua gioiosa testimonianza delle cose che tu e tuo Figlio Gesù state compiendo. Amen.

 

 

Precedente Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno