HOME Mobile Chi siamo Dove siamo Obiettivo Famiglia SOMMARIO

 

        Cappellina il Chiostro Rosario on line Bacheca Cerca nel sito

 

 

Famiglia Unita Famiglia in difficoltà Famiglia Divisa Preghiere per i figli Circostanze varie Nel dolore Nella malattia Devozioni-Catechismo Santi e Feste UNITI nella preghiera Intenzioni di preghiera con DON BOSCO

 

 

Su Successiva

 

 

1°- PRIMO GIOVEDI' DEL MESE

 

 

 

Figlia mia, Mia cara sposa, 

fa' che Io sia amato, consolato e riparato

nella Mia Eucaristia 

 

 

INNO EUCARISTICO: Adoro te devote 

 

Ti adoro devotamente, Dio nascosto, 

che sotto questi segni a noi ti celi. 

A te tutto il mio cuore si sottomette 

perché nel contemplarti tutto viene meno. 

La vista, il tatto, il gusto non ti intendono, 

ma la sola tua parola noi crediamo sicuri. 

Credo tutto ciò che disse il Figlio di Dio. 

Nulla è più vero di questo Verbo di verità. 

Sulla croce era nascosta la sola divinità; 

qui anche l'umanità è nascosta; 

tuttavia l'una e l'altra credendo e confessando, 

chiedo ciò che chiese il ladrone pentito. 

Come Tommaso non vedo le piaghe, 

eppure ti confesso, mio Dio. 

Fa' che s'accresca sempre più in me la fede in te, 

la mia speranza e il mio amore per te. 

O memoriale della morte del Signore, 

pane vivo che dai la vita all'uomo, 

fa' che la mia mente viva di te,

e gusti sempre il tuo dolce sapore. 

Pio pellicano, Gesù Signore, 

purifica me immondo con il tuo Sangue, 

di cui una sola stilla può salvare tutto il mondo 

da ogni delitto. 

Gesù, che adesso adoro sotto un velo, 

fa' che avvenga presto ciò che bramo: 

che nel contemplarti faccia a faccia, 

io possa godere della tua gloria. Amen. 

 

 

DALLA PAROLA DI DIO: L'unzione di Betania (Gv 12,1-8) 

 

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betania, dove si trovava Lazzaro, 

che egli aveva risuscitato dai morti. E qui gli fecero una cena:

 Marta serviva e Lazzaro era uno dei conmmensali. Maria allora, presa una libbra di 
olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi 
capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei 
suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: «Perché quest'olio profumato non si è venduto 
per trecento denari per poi darli ai poveri?». Questo egli disse non perché gl'importasse dei 
poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano 
dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia 
sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». 

 

 

DALL'ENCICLICA «ECCLESIA DE EUCHARISTIA» 

 

48. Come la donna dell'unzione di Betania, la Chiesa non ha temuto di «sprecare», 

investendo il meglio delle sue risorse per esprimere il suo stupore adorante di fronte al dono 
incommensurabile dell'Eucaristia. Non meno dei primi discepoli incaricati di predisporre la 
«grande sala», essa si è sentita spinta lungo i secoli e nell'avvicendarsi delle culture a 
celebrare l'Eucaristia in un contesto degno di così grande Mistero. Sull'onda delle parole e 
dei gesti di Gesù, sviluppando l'eredità rituale del giudaismo, è nata la liturgia cristiana. E 
in effetti, che cosa mai potrebbe bastare, per esprimere in modo adeguato l'accoglienza del 
dono che lo Sposo divino continuamente fa di sé alla Chiesa-Sposa, mettendo alla portata delle 
singole generazioni di credenti il Sacrificio offerto una volta per tutte sulla Croce, e 
facendosi nutrimento di tutti i fedeli'? Se la logica del «convito» ispira familiarità, la 
Chiesa non ha mai ceduto alla tentazione di banalizzare questa «dimestichezza» col suo Sposo 
dimenticando che Egli è anche il suo Signore e che il «convito» resta pur sempre un convito 
sacrificale, segnato dal sangue versato sul Golgota. Convito eucaristico è davvero convito 
«sacro», in cui la semplicità dei segni nasconde l'abisso della santità di Dio: «O Sacrum 
convivium, in quo Christus sumitur!
». Il pane che è spezzato sui nostri altari, offerto alla 
nostra condizione di viandanti in cammino sulle strade del mondo, è «panis angelorum», pane 
degli angeli, al quale non ci si può accostare che con l'umiltà del centurione del Vangelo: 
«Signore, non sono degno che tu entri sotto il mio tetto» (Mt 8,8; Le 7,6). 

 

 

DALL'ESPERIENZA DELLA BEATA ALEXANDRINA 

 

VA', SONO TUE LE MIE PRIGIONI

 

Beato chi abita la tua Casa: sempre canta le Tue lodi! Beato chi 
trova in Te la sua forza e decide nel suo cuore il santo viaggio (Salmo 84). 

 

Gesù: «Vieni a passare un po' della notte sveglia nei miei Tabernacoli, nelle mie Prigioni. 

Sono tue e Mie. Ciò che mi portò là fu l'amore». 

 

La vita di intima unione con Gesù, porta ora Alexandrina a 
partecipare degli stessi sentimenti e condizioni che sono proprie dell'Amato, ed in tal senso i 
Tabernacoli, le prigioni d'amore di Gesù, diventano anche le prigioni d'amore e di dolore di 
Alexandrina. Il fine è di consolare l'Amato offeso dal peccato dell'indifferenza verso la Sua 
Presenza Eucaristica; conseguenza benefica della riparazione è il perdono dei peccatori e 
quindi la loro salvezza: la più grande consolazione e gioia di Gesù, e della Santissima Trinità. 

 

«Sei un canale per il quale», le dice Gesù, «devono passare le grazie che dovrò 
distribuire alle anime e per il quale le anime dovranno venire a Me. Per mezzo tuo saranno 
salvi molti, molti peccatori: non per i tuoi meriti, ma per Me che cerco tutti i mezzi per 
salvarli». «Vieni, figlia mia a rattristarti con Me partecipando alla Mia prigionia d'amore e 
riparando tanto abbandono e oblio». 

 

Alexandrina: «...Ore della notte sveglia in continua unione con Gesù. 

Le sue Prigioni d'amore sono le mie prigioni, sempre consumata in ansie di amarlo. 
Tutto in silenzio, io con Lui.

- Non sei solo, mio Amore: io sto con Te, Ti amo, sono tutta tua... 

- Mio Gesù, dissi con la mente, ad ogni palpito del mio cuore, voglio strappare un'anima 
dagli artigli del demonio e voglio tanti alti d'amore per i Vostri Tabernacoli, quanti granelli 
di sabbia ha il mare...». 

 

 

INVOCAZIONI

Ti rendiamo grazie, o Cristo Signore: tu hai dato il tuo Corpo e il tuo Sangue per la salvezza del mondo e la vita delle nostre anime. Alleluia. 

 

Ti rendiamo grazie, o Padre onnipotente, di averci preparato la Chiesa come porto sicuro, tempio di santità, nel quale glorifichiamo la santissima Trinità. Alleluia. 

 

Ti rendiamo grazie, o Cristo, nostro Re: il tuo Corpo e il tuo Sangue prezioso ci hanno dato la vita. Accordaci il perdono e la misericordia. Alleluia. 

 

Ti rendiamo grazie, o Spirito che rinnovi la santa Chiesa. Conservala pura nella fede nella santissima Trinità, oggi e fino al termine dei secoli. Alleluia. 

 

Ti rendiamo grazie, o Cristo Signore, di averci nutrito a questa mensa e di averci preparato il convito eterno, nel quale ti loderemo per sempre con il Padre e lo Spirito Santo. Alleluia. 

 

VORREI ESSERE CON TE 

 

- Vorrei essere con Te, o Gesù, giorno e notte e in ogni ora. Però ora non posso venire, ben lo 
sai... sono legata mani e piedi, ma più legata, vorrei essere unita a Te nel Tabernacolo, e non 
assentarmi un momento solo. 

 

...Tu sai i miei desideri che sono di stare alla tua Presenza nel 
Santissimo Sacramento, ma siccome non posso, ti mando il mio cuore, la mia intelligenza, per 
imparare tutte le tue lezioni; ti mando il mio pensiero perché io pensi solo a te, il mio amore 
perché solo te io ami, in tutto e per tutto. 

 

(BEATA ALEXANDRINA) 

 

 

Preghiere per ogni primo Giovedì del mese:

 

 

Tratte dal libro: "Adoratori di Gesù con Alexandrina" Elledici Editore

A cura di Don Pierluigi Cameroni SDB e Maria Rita Scrimieri 

 

Clicca QUI per scaricare l'intero libretto

 

 

Per approfondire la Devozione a Gesù nei Tabernacoli:

 

Alexandrina Maria da Costa (clicca)

 

Grita Vera e l'Opera dei Tabernacoli Viventi  (clicca)

 

 

Vai all'indice di tutte le pagine dedicate alla Famiglia Salesiana: clicca qui

 

 

Home Su Successiva

 

 

Privacy Policy

PARTECIPA anche tu alla cordata di preghiera: UNITI per le FAMIGLIE e i GIOVANI

 

 

"le forze deboli quando sono unite diventano forti" (don Bosco)

abbiamo bisogno anche di te

www.preghiereperlafamiglia.it/UNITI.htm

 

 

  

  

 

CAPPELLINA 

    Entra per accendere una candela

e per conoscere le preghiere e le devozioni del giorno