UN ANNO CON IL SACRO CUORE

 

15° Settembre

 

IL SACRAMENTO DELL'ORDINE - VOCAZIONE DEGLI APOSTOLI E DEI DISCEPOLI

 

Gesù andava girando per le città, insegnando nelle loro sinagoghe, e predicando il Vangelo del regno, e sanando tutti i languori. E vedendo quella turba n'ebbe compassione: perchè erano malcondotte e giacevano come pecore senza pastore. Allora disse ai suoi discepoli: La Messe è veramente copiosa, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai alla sua messe (S. Matteo, IX, 35). 

 

1° Preludio. Nel suo Cuore Gesù ha concepita la gerarchia della legge nuova. Vedendo il popolo nelle sofferenze, egli ha deciso di dargli pastori zelanti. 

 

2° Preludio. Preghiamo dunque il Signore di darci molti santi sacerdoti. 

 

1° PUNTO: La preghiera del Salvatore. — Dopo che ebbe ricevuto il battesimo di Giovanni Battista e prima di darsi all'organizzazione della Chiesa, il buon Maestro si è immerso in una lunga preghiera di quaranta giorni nel deserto. Egli voleva accumulare grazie per gli apostoli e per i discepoli. Dopo questi quaranta giorni comincia la propaganda. Egli guadagna per primi Giovanni ed Andrea che sono presi di lui, e passano un intero giorno ad ascoltarlo (S. Giov. I, 35): —Dopo le prime predicazioni passa ancora una notte in preghiera, poi il giorno dopo fa il grande appello a Pietro, ad Andrea, a Giacomo, a Giovanni: Sequere me, seguitemi. (S. Luca VI, 12). E prima di completare il collegio degli apostoli e dei discepoli, pregherà ancora e farà pregare. Ha percorso la Galilea. Egli ha veduto le folle miserabili, malmenate dai rabbini e dai farisei, e dice con emozione: «Sono pecore senza pastore, pregate dunque il Padrone supremo d'inviare operai nella vigna e pastori nell'ovile ; (S. Matt. IX, 38). Che lezioni per noi! Stimiamo altamente la vocazione: domandiamo a Dio di moltiplicare i santi sacerdoti. 

 

2° PUNTO: La chiamata del divin Maestro. — Come sono commoventi queste chiamate ai figli eletti, i quali hanno risposto così generosamente. «Gesù, dice san. Matteo, camminava vicino al mare di Galilea, vide due fratelli, SimonPietro ed Andrea, i quali gettavano la rete essendo pescatori. Egli disse loro: Seguitemi, ed io vi farò pescatori d'uomini; — ed immediatamente essi abbandonarono le reti, e lo seguirono. — Proseguendo più lontano vide due altri fratelli, Giacomo e Giovanni, seduti nella barca con Zebedeo loro padre che raccomodavano le reti. Egli li chiamò, ed essi lasciate le reti ed il padre si misero al suo seguito».(S. Matt. IV, 18). San Giovanni aggiunge sovente nei racconti evangelici particolari che lui solo ha notato: «Gesù, dice, prima di chiamare san Pietro l'aveva guardato con uno di quegli sguardi profondi, che penetrano fino all'anima. Tu sei Simone, figlio di Giovanni, e tu ti chiamerai Cefa che vuol dire Pietro» (S. Giov. I, 42). Gesù guardateci, guardate i figli eletti, e moltiplicate le vocazioni in questi tempi difficili. Dateci molti veri sacerdoti del Sacro Cuore.

 

3° PUNTO : La formazione. — Per tre anni il Salvatore circonda gli apostoli di cure molto assidue: eccolo tutto consacrato alla loro formazione, alla loro separazione. Finalmente ecco che può dir loro: «Io non vi, chiamo miei servi, perchè il servo non sa ciò che fa il padrone. Voi siete miei amici: Io vi ho trasmesso tutto ciò che il Padre mi ha detto. Non siete voi che mi avete scelto, sono io che ho scelto voi, e vi ho stabilito, perchè portiate frutto, e che questo frutto perduri». Il buon maestro aggiunge: «Tutto ciò che voi domanderete al Padre in mio nome, Egli ve lo darà. Se il mondo vi odia non vi meravigliate, egli ha odiato me per il primo. Egli vi odierà, perchè voi, non siete del mondo, perchè io vi ho elevato al disopra del mondo. — Io vi invierò il mio Spirito, lo spirito di verità che sarà la vostra guida. — Voi avrete persecuzioni da subire, vi cacceranno dalle case e dalle chiese, perchè i persecutori non conoscono il Padre, e non conoscono me. Ma prima di abbandonarvi, io vi prevengo, affinchè niente vi sorprenda» (S. Giov. XV). Il buon Maestro ha istruito i discepoli fino alla fine con una carità veramente ineffabile. Che sorte invidiabile quella degli amici intimi di Gesù, i ministri delle sue opere e anche compagni di lavoro e d'espiazione sotto la croce!

 

Risoluzioni. — O Gesù, Sacerdote sovrano, moltiplicate i santi sacerdoti, i sacerdoti secondo il vostro Cuore. Io vi prego per questo come l'avete domandato. Con voi ho pietà di questi greggi senza pastori. Inviate loro pastori che aggiungano la fecondità delle opere alla santità, della vita. 

 

FIORETTO: — Soffri oggi senza lamenti, recita i sette Dolori di Maria.

 

Oggi hai fatto il fioretto? scrivi il tuo nome e offri una rosa a Gesù e Maria CLICCA QUI

 

 

CAPPELLINA

 

 

 

 Sito versione Desktop